Chi sono

regista, attore

 

Gerardo Lamattina
Regista, Autore, Attore
Nato a Pertosa (Sa) vive a Ravenna  

Laureato al DAMS di Bologna con una tesi in Storia del Cinema.
Ha diretto e interpretato diversi cortometraggi in super8 partecipando a numerosi festival nazionali ed internazionali (tra i più importanti: Torino giovani, Kurtz film Festival di Amburgo, Munich International Short Film Festival, Arcipelago, Corto Imola festival, Sacher festival).
I suoi corti sono stati acquistati e trasmessi da Telepiù, Sky e La7. 

Nel 1994 ha realizzato Frammenti di un discorso d'amore, backstage del film Dichiarazioni d'amore di Pupi Avati; nel 1995 è finalista alla seconda edizione del concorso per cortometraggi I Girasoli con la sceneggiatura Storia di Toso, pubblicata su SCRIPT, successivamente è stato assistente alla regia nel film Vesna va veloce di Carlo Mazzacurati. Il suo cortometraggio Boccaperta (1998) ha partecipato a numerosi festival nazionali e internazionali e ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura “Per lo spessore semantico e lo sviluppo estetico assolutamente non tradizionale” al concorso video di Montecatini nel 1999. 

Nel 2004 ha fondato la DDR (democratic digital recordings) factory che si è occupata della creazione e produzione di documentari sociali e di Live Visual fino al 2013.
Con la DDR insieme a Lino Greco ha realizzato Nella pietra e nel vento (2004) incroci musicali tra Oriente e Occidente, un documentario girato tra Ravenna e Damasco (Siria) che è stato acquistato e trasmesso daCult Network. Successivamente ha realizzato per l'Assessorato Sport Benessere Disabilità del Comune di Ravenna con il sostegno di Conad e di ITway il documentario Io ho un nome (2006) sull’esperienza di un bimbo tetraplegico all’interno di una compagnia di Danza contemporanea e il documentario Oltre il giardino (2007) 

realizzato per l'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Ravenna nei giardini antistanti la stazione. Con la DDR ha inoltre realizzato a Mumbai in India, il documentario in 4 parti Mumbay’s way (2008) acquistato e trasmesso da Current TV. 

D i Mumbay’s way è stato realizzato nel 2009 anche un Live Visual con la musica Live del musicista Alvin Curran. Altri Live Visual sono stati realizzati in collaborazione con il fotografo Roberto Masotti e con musicisti di fama internazionale: Jon Hassell, Terje Rypdal, Matmos, Alter Ego Ensemble, Rita Marcotulli, Paolo Fresu ecc. ecc. e hanno partecipato a importanti manifestazioni italiane e internazionali. Nel 2012 con il video clip del brano  Piena gioventù dei Nobraino vince il primo premio al festival Corti da sogno di Ravenna.

Per Ravenna Festival con il quale collabora da diversi anni ha realizzato insieme a Lino Greco il Live Visual per il concerto LACHRIMÆ CARAVAGGIO, di Jordi Savall nel 2008. 

Parallelamente al cinema a partire dal 1995 si dedica anche al teatro e alla danza vincendo un premio speciale Scenario con lo spettacolo Tangaz nel 2000. Nel 1993 ha fondato e diretto la Teddy Bear Company prima ed unica compagnia di teatro da discoteca in Italia. Su questa esperienza è stato realizzato il documentario Performer trasmesso su Cult Network nel 2004. 

Collabora da anni con realtà sociali e associazioni del territorio tra le quali il centro antiviolenza Linea rosa di Ravenna, con il quale ha realizzato il documentario Una sottile linea rosa (2008) che racconta il lavoro del centro antiviolenza, poi il documentario del progetto XXY (2009), un laboratorio sull’identità di genere condotto dentro le scuole superiori e il progetto Basta poco per cambiare (2010) una serie di cortometraggi didattici più il cortometraggio Prima che faccia buio (2014) tratto da una storia vera di femminicidio e lo spot contro la “violenza assistita” Tu puoi cambiare le cose interpretato dall’arbitro internazionale Nicola Rizzoli.


Nel 2009 ha realizzato in Basilicata la docufiction Alma story con protagonista Moni Ovadia e nel 2013 tra Perugia e Ravenna il documentario Falling sulla storia vera di Laura Rampini, la prima e unica paracadutista paraplegica al mondo. 

Nel 2017, attraverso una campagna di crowdfunding, ha realizzato il suo primo lungometraggio Cimitero Azzurro, che è stato finalista nella categoria Best drama all’Alternative film Festival di Toronto nel 2017 e distribuito in maniera indipendente nei cinema d'Italia. 

Attualmente sta lavorando al suo prossimo lungometraggio No Future, al documentario Il drago della Romagna ( un curioso caso di ibridazione culturale tra Cine e Romagna) che racconta la strana storia della diffusione endemica in romagna  del gioco cinese del Mah Jong, e la documentario La magnifica avventura delle 100 chitarre elettriche per Sky Classica, inoltre ha appena finito di realizzare il film didattico Basta poco per cambiare (nuovi moduli) per l’AUSL di Piacenza su commissione della regione Emilia Romagna .


E’ un esperto di nuovi media e ha competenze informatiche sul pacchetto Office 2018 e Adobe 2018; Collabora con la rete di Apple Reseller MedStore è conduce corsi di Montaggio con il software FinalCut X e Adobe Premiere e ha inoltre la certificazione di Utente Apple Pro da più di 15 anni.

Collabora da oltre 12 anni con Ravenna Festival per la quale ha creato il primo canale YouTube di una Fondazione musicale e realizzato Spot per Mediaset e Sky Classica.

In ottobre ha partecipato come docente all’Internet Festival di Pisa dove ha condotto un laboratorio sull’utilizzo dell’App di storytelling Steller.


Le foto di scena qui sotto fanno parte del backstage del film Cimitero azzurro e sono di Matteo Pezzi come pure il ritratto in bianco e nero di Gerardo Lamattina.